buzzoole code

Negli Usa Volkswagen è stata rinviata a giudizio, ecco le novità Volkswagen non ha presentato una soluzione idonea, qui i dettagli

Fallo sapere ai tuoi amici

Il 24 Marzo il giudice di San Francisco Charles Breyer ha tenuto un’udienza relativa alla vicenda “Dieselgate”, cioè lo scandalo che nel settembre del 2015 ha coinvolto il gruppo Volkswagen. L’udienza rappresentava il termine ultimo concesso al gruppo Volkswagen per presentare una valida proposta di soluzione per i veicoli con il software incriminato venduti negli Usa. In base agli aggiornamenti della situazione illustrati dai rappresentanti della Volkswagen, il giudice Breyer ha riconosciuto che sono stati “compiuti progressi sostanziali” nel lavoro di ricerca e individuazione delle misure concrete per trovare una via di uscita. Ciò detto, lo stesso giudice ha anche affermato che non c’è ancora stata una proposta concreta risolutiva e che la Volkswagen si è trovata di fronte a notevoli difficoltà tecniche nella ricerca della soluzione adeguata . Così è stata fissata una nuova scadenza entro cui la Volkswagen dovrà presentare l’attesa proposta: il 21 Aprile.

La via d’uscita alla vicenda sarebbe dunque una sorta di “agreement” con cui il gruppo automobilistico tedesco finanzierebbe iniziative ambientalistiche negli Usa come “compensazione” per i guasti provocati dalle auto diesel irregolari vendute. L’alternativa sarebbe la messa fuori legge delle 600 mila auto, con l’obbligo del ritiro dalla circolazione.

Vota qui ora gratuitamente da 1 a 5 stelle 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)

Loading...
Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, metti un mi piace alla nostra pagina Facebook cliccando qui!

Rispondi o lascia un commento