buzzoole code

Ferrari: la famiglia Agnelli e Piero hanno diviso la società Ecco la divisione delle quote Ferrari tra Exor e Piero prima della quotazione in Borsa

Fallo sapere ai tuoi amici

La Exor e Piero Ferrari hanno raggiunto un’intesa sul futuro assetto societario del Cavallino, in vista dello spin-off del marchio da Fca, che è in programma per i primi giorni del 2016. Secondo i termini del patto parasociale tra i due azionisti, Exor terrà in mano il 23,5% delle quote, mentre al figlio di Enzo spetterà, come già previsto, il 10%.
L’accordo ha un importante risvolto sul fronte del controllo strategico di Maranello, dal momento che grazie al premio previsto per gli azionisti di lungo periodo, le due quote menzionate corrispondono rispettivamente al 33,4% e al 15,4% dei diritti di voto. In altri termini, Piero e la Exor disporranno cumulativamente del 48,8% degli stessi.

Secondo quanto comunicato in una nota emessa dalla holding, il patto parasociale diventerà effettivo “non appena lo spin-off sarà efficace” e comunque prima del debutto di Ferrari a Piazza Affari, che è in programma per il 4 Gennaio. L’intesa, annota la Exor, “prevede un impegno di consultazione finalizzato alla definizione di una posizione comune sui punti all’ordine del giorno di tutte le assemblee degli azionisti”.
Da sottolineare, peraltro, che il patto definisce anche gli impegni in merito a eventuali trasferimenti a terzi delle azioni, tra cui un diritto di prelazione a favore di Exor stessa, e un diritto di prima offerta di Piero Ferrari, nel caso in cui quest’ultimo intendesse cedere le proprie quote.

L’accordo Ferrari-Exor ha durata quinquennale dalla data della separazione da Fca, e si intende rinnovato per un periodo identico in assenza di disdetta esplicita delle parti. La holding guidata da John Elkann esplicita infine l’esenzione (propria e di Piero Ferrari) dall’obbligo di offerta pubblica d’acquisto ai sensi della legge olandese, poiché all’efficacia dello spin-off e prima del primo giorno di trattazione a Milano, i due soggetti risulteranno detenere un diritto di voto superiore al 30%.

Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, metti un mi piace alla nostra pagina Facebook cliccando qui!

Rispondi o lascia un commento