buzzoole code

Formula 1, Alla tradizionale conferenza stampa di Giovedì hanno parlato Raikkonen, Bottas, Stroll e Kvyat Durante la tradizionale conferenza stampa i vari piloti hanno parlato delle proprie impressioni riguardo il circuito di Sochi. Bottas è pronto a fare da “assist-man” se la scuderia tedesca glielo chiederà

Fallo sapere ai tuoi amici

Quest’oggi, vari piloti delle scuderie di Formula 1 si sono presentati per la tradizione conferenza stampa che fa da accompagnamento alle libere, qualifiche e gara. A parlare sono stati il secondo pilota della Ferrari Kimi Raikkonen, il secondo pilota della Mercedes valtteri Bottas e il pilota della Williams Lance Stroll. Il Finlandese della “rossa”  parla della sua monoposto e poi fa un “mea culpa” per quanto riguarda i risultati negativi ottenuti nelle prime tre gare del nuovo campionato: “Il feeling con la vettura è abbastanza buono, ma ci serve un po’ più di velocità al sabato. Qui come andrà? Non lo so, lo vedremo da domani: finora con la Mercedes siamo stati sempre vicini ed è possibile che succeda pure qui. Ho avuto un po’ di problemi alla prima gara, ma l’ultima è andata piuttosto bene “. Lo stesso poi fa un paragone con le monoposto delle Ferrari precedenti: “È difficile dire se sia la migliore Ferrari che abbia mai guidato, quelle del passato erano veloci, ma è un ricordo lontano, però rispetto agli ultimi anni sì: è un pacchetto competitivo, ma anche io devo cercare di sfruttarlo al meglio”.

L’altro finlandese che siede sulla secondo monoposto della scuderia tedesca durante la conferenza stampa ha parlato del suo rapporto con l’inglese Lewis Hamilton e  parla dei problemi avuti durante i precedenti Gran Premi. Infine afferma che la scuderia lo tratta allo stesso modo del compagno: “Io sto migliorando in qualifica, come dimostra la pole in Bahrain, ma è la gara quella che conta davvero e finora lì ho avuto dei problemi. Qui speriamo di andare meglio, la battaglia è con la Ferrari e sarà molto serrata. Non ne abbiamo parlato con i vertici, non credo ce ne sia bisogno: non c’è prima o seconda guida. il team mi richiedesse di farlo passare lo farei perché siamo una squadra e contano pure i punti collettivi, poi non so quello che succederà in futuro, la Mercedes non ha mai fatto distinzioni fra i due piloti e l’obiettivo sarà sempre di raccogliere il massimo dei punti in ogni gara”.

Queste invece sono le prime impressioni di Lance Stroll per quanto riguarda il Gp. Di Sochi: “Sochi è certamente una delle piste più difficili per me da raccontare perché non ci sono mai stato. Ho seguito la gara dello scorso anno ma devo ancora scoprire realmente com’è la pista. La prima presa di contatto l’avrò con la passeggiata del giovedì, insieme agli ingegneri. E’ sorprendente quanto si possa imparare di un circuito camminandoci a piedi e quanto sia utile girando poi con una Formula 1. Scopri le sconnessioni e hai la sensazione di come reagirà la monoposto”.

 Infine Alla tradizionale conferenza stampa del giovedì ha partecipato anche l’attuale pilota della Toro Rosso Kvyat, il quale sicuramente non porta un bel ricordo della sua prima gara fatta proprio in Russia, visto che proprio lì, dopo un ennesimo incidente, venne retrocesso di scuderia per far spazio al pilota olandese Max Verstappen che oggi siede proprio al suo posto: “Se Max dovesse essere sostituito sulla Red Bull in caso di incidente Marko potrebbe chiamarmi? Chiedetelo a lui..”

Vota qui ora gratuitamente da 1 a 5 stelle 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)

Loading...
Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, metti un mi piace alla nostra pagina Facebook cliccando qui!

Rispondi o lascia un commento