buzzoole code

MEMORIE: Benz Patent Motorwagen (Velociped), la prima automobile La storia della prima vera automobile con motore a scoppio

Fallo sapere ai tuoi amici

Bentornati a MEMORIE, la rubrica di Carblogitalia.it dedicata alle auto sconosciute, alle dimenticate e alle leggende.
Oggi parleremo dell’ inizio degli inizi, la mamma di tutte le autovetture, di come e quando tutto ebbe inizio.
1886: Karl Benz, fondatore della Benz & Cie. Rheinische Gasmotorenfabrik decise di creare un mezzo che consentiva all’ uomo di spostarsi su una carrozza senza avere l’ausilio dei cavalli che trainavano, infatti secondo il progetto la carrozza doveva essere spinta da un motore a scoppio. Di notevole aiuto fu Nikolaus August Otto, l’ ingegnere che sette anni prima aveva brevettato il primo motore a quattro tempi.
Karl Benz dovette anche fare presto a progettare la prima automobile, dato che già alcune case francesi avevano creato automobili, ma erano tutte a vapore, di buone prestazioni certo, ma con masse impressionanti.
In circa tre anni, Karl riuscì a realizzare una leggerissima carrozza a tre ruote, molto maneggevole, con un motore monocilindrico di 577 Cm3 a carburatore che erogava 3/4 di cavallo a 400 rpm al minuto. L’accensione era elettrica ed era composta da una pila al bicromato di potassio (da cambiare ogni 10 km) e da un ruttore con bobina e candela.
Il raffreddamento era ad acqua vaporizzata e i freni erano di ceppi di cuoio. Le sospensioni erano a balestre longitudinali con ruote in acciaio. Per sterzare Karl aveva montato una semplice barra montata sulla ruota anteriore. Il tutto pesava solamente 265 Kg.
Al momento della presentazione di fronte al pubblico davanti alla fabbrica, molti passanti storsero il naso, anche perché la vettura era ancora sprovvista di un serbatoio per il carburante, quindi, il primogenito di Karl Benz doveva camminare di fianco alla vettura per alimentare il carburatore con della benzina che all’ epoca si poteva acquistare solo nelle drogherie.

Fonte: http://www.conceptcarz.com
Fonte: http://www.conceptcarz.com

Diverso fu il giudizio della stampa: venne pubblicizzata in tutto il paese e presto tutti sapevano che esisteva una carrozza che si muoveva con un motore a benzina.
Altro evento che fece conoscere ancora di più la Velociped fu l’impresa della moglie di Benz, Bertha che percorse ben 90 Km nei dintorni di Mannheim con i figli e la nuova invenzione del marito. Tornò a casa di sera, un po’ impolverata e stanca, ma aveva fatto capire agli abitanti della zona che l’invenzione del marito funzionava.
Karl Benz ne produsse ben 25 esemplari della Velociped, prima di modificare il progetto creando la Benz Velo.
Se vi è piaciuta questa di MEMORIE, condividete e continuate a seguirci su Carblogitalia.it .

Vota qui ora gratuitamente da 1 a 5 stelle 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)

Loading...
Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, metti un mi piace alla nostra pagina Facebook cliccando qui!

Christian Truddaiu

Non c'è niente di più bello che ritrovarsi in un'Alfa Romeo a percorrere rettilinei e tornanti di montagna...Oo=V=oO

Rispondi o lascia un commento