buzzoole code

MEMORIE: DeLorean DMC-12 (FOTO) La storia di una delle macchine divenute famose in tutto il mondo grazie ad un film di fantascienza

Fallo sapere ai tuoi amici

Bentornati a MEMORIE, la rubrica di CarblogItalia dedicata alle auto sconosciute, alle dimenticate e alle leggende.
Oggi parleremo di un’ auto diventata famosissima grazie ad una trilogia di un film di fantascienza risalente agli anni ’80: la DeLorean DMC-12, conosciuta più semplicemente come DMC DeLorean.
La storia di questa macchina fu piuttosto travagliata: problemi di progettazione, di finanziamenti e legali con il fondatore della società DeLorean Motor Company: John DeLorean. Nulla di questo però impedì alla DeLorean di diventare una delle auto più famose del mondo.
Cominciamo con il raccontare qualcosa di questa leggenda…

Fonte: http://i1.wp.com/
Fonte: http://i1.wp.com/

Il primo prototipo venne assemblato nel 1976 da William T. Collins, primo ingegnere di Pontiac. Il disegno della carrozzeria fu affidato a Giorgetto Giugiaro che si basò principalmente sui concetti acquisiti precedentemente con l’ Alfa Romeo Iguana del 1969.

Fonte: http://1.bp.blogspot.com/
Fonte: http://1.bp.blogspot.com/

Tutte le DeLorean uscirono dalla fabbrica con la carrozzeria in acciaio inossidabile AISI 304. Nessuna di esse fu verniciata, eccetto tre esemplari che furono ricoperti di oro zecchino 24K.

Fonte: https://upload.wikimedia.org/
Fonte: https://upload.wikimedia.org/

Inizialmente era stato previsto di montare sul retro della auto un motore rotativo Wankel, ma, per risparmiare sul carburante in un periodo di scarsità mondiale di petrolio, si dovette optare per un V6 Douvrin PRV a iniezione che erogava 130 CV.

Per la DMC-12 erano disponibili due cambi: un cambio automatico a tre marce e un cambio manuale a 5 marce. La maggior parte delle vetture venne fornita di cambio manuale, che era quello già montato sulla Renault 30.
Collins e DeLorean avevano previsto uno chassis prodotto da una nuova e non collaudata tecnologia produttiva, conosciuta come ERM (Elastic Reservoir Moulding), che avrebbe migliorato le caratteristiche di peso abbassando presumibilmente i costi di produzione. Questa nuova tecnologia, per la quale DeLorean aveva acquisito i diritti del brevetto, si rivelò però non adatta per la produzione di massa.
Successivamente si rese necessaria una revisione ingegneristica del processo produttivo quasi completa, che fu affidata all’ingegnere Colin Chapman, fondatore e proprietario della Lotus.
Chapman sostituì molto del materiale dubbioso e delle tecniche di produzione con quelle che erano correntemente utilizzate dalla Lotus; nello specifico, nella DMC-12 furono utilizzate la sospensione e lo chassis dalla Lotus Esprit.

Fonte: http://www.automoto.it/
Fonte: http://www.automoto.it/

Le DMC-12 avevano in listino solo 7 optional, mentre di serie poteva considerarsi già abbastanza accessoriata.
Caratteristica unica di questa vettura erano le portiere che si aprivano ad ali di gabbiano.
Lo stabilimento di produzione venne stabilito a Dunmurry, in Irlanda del Nord, a poche miglia da Belfast.

La costruzione della fabbrica iniziò nell’ottobre 1978, ma problemi ingegneristici e di finanziamento consentirono di iniziare la produzione in serie solo nel 1981, con due anni di ritardo rispetto alle previsioni.
Il personale addetto era anche largamente inesperto e le DMC-12 del 1981 vennero vendute senza garanzia. Questi problemi di gioventù vennero risolti a partire dal 1982, anno in cui i nuovi modelli erano dotati di una garanzia di 5 anni o 80.000 km (50.000 miglia per i britannici).
Quando nell’ottobre 1982 la DeLorean Motor Company fu sciolta in seguito all’arresto di John DeLorean per traffico di droga (accusa da cui fu assolto due anni dopo), le DMC-12 non assemblate furono completate dalla Consolidates.

Fonte: http://www.ilpost.it/
Fonte: http://www.ilpost.it/

Nel luglio 2007 i proprietari di una società chiamata DeLorean Motor Company (omonima della società originaria, ma non direttamente ad essa collegata) hanno acquisito le proprietà intellettuali dell’automobile e hanno rimesso in produzione la DeLorean DMC-12. I primi esemplari sono stati resi disponibili verso la fine del 2008 e la produzione è di circa 20 esemplari all’anno.
Tra il gennaio del 1981 e il dicembre del 1989 sono state prodotte circa 9.200 DeLorean.
La DMC-12 aveva un prezzo di vendita al pubblico suggerito di 25 000$ (con un sovrapprezzo di 650$ per il cambio automatico), equivalenti a circa 53 000$ del 2003. Varie fonti riportano che c’era una lista d’attesa di possibili compratori disposti a pagare anche un sovrapprezzo di 10 000$ sul prezzo di listino.
Dopo il fallimento della DeLorean Motor Company, le auto invendute vennero vendute sottocosto.
Curiosità:
– La più famosa DMC-12 mai costruita è stata quella utilizzata nella trilogia de Ritorno al futuro. Questa DeLorean è stata modificata dopo l’acquisto perché nei film viene usata come macchina del tempo. Per le riprese del primo film sono state utilizzate dodici auto;
– Esiste ancora uno dei molti prototipi di DeLorean, in restauro alla DeLorean Motor Company in Florida;
– Sono state progettate alcune DeLorean con un motore biturbo, ma attualmente si conosce l’ esistenza di un solo esemplare che monta un motore biturbo;

Fonte: http://polesini-udine.blogautore.repubblica.it/
Fonte: http://polesini-udine.blogautore.repubblica.it/

Vota qui ora gratuitamente da 1 a 5 stelle 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)

Loading...
Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, metti un mi piace alla nostra pagina Facebook cliccando qui!

Christian Truddaiu

Non c'è niente di più bello che ritrovarsi in un'Alfa Romeo a percorrere rettilinei e tornanti di montagna...Oo=V=oO

Rispondi o lascia un commento