buzzoole code

MEMORIE: Lada Zhiguli (FOTO) La storia della vettura più venduta sulla terra...ancora in produzione!!!!

Fallo sapere ai tuoi amici

Bentornati a MEMORIE, la rubrica di CarblogItalia dedicata alle auto sconosciute, alle dimenticate e alle leggende.
Oggi parleremo, come avete potuto capire dal sottotitolo, dell’ automobile più venduta di tutti i tempi (supera addirittura la produzione della Fiat Uno e della Volkswagen Golf). Derivata dalle italianissime Fiat 124 e Fiat 125, cominciò la sua produzione nel 1970 e terminò (in Russia) nel 2012, ma continua ad essere prodotta e venduta come le caramelle in Egitto grazie alla Suzuki. Dura come l’ acciaio e testarda come un sovietico, ecco a voi la Lada Zhiguli.
La Zhiguli nacque dall’ accordo tra la Fiat e il governo sovietico nel 1966, in cui si prevedeva la costruzione dello stabilimento di Togliatti e la fabbricazione su licenza della Fiat 124.

Fonte: http://www.carbuzz.com/
Fonte: http://www.carbuzz.com/

Nel 1970 venne inaugurato lo stabilimento e la produzione della 124 sovietica iniziò immediatamente. I primi modelli che uscirono dalla fabbrica si chiamavano Lada 2101 (berlina 4 porte) e Lada 2102 (station wagon). Benché esteticamente quasi identiche alle Fiat, presentavano alcune modifiche tecniche per adattarsi meglio alle condizioni delle strade e della società sovietica. Venne aggiunta una pompa di alimentazione manuale. Le sospensioni vennero rinforzate per affrontare meglio le frequenti buche, mentre l’assetto venne leggermente rialzato per viaggiare meglio sui percorsi innevati o infangati. Per migliorare la frenata a bassa velocità ed in condizioni difficili i freni posteriori, originariamente a disco, divennero a tamburo fabbricati in alluminio, mentre il motore originale venne rimpiazzato da un 1198 cm³ di progettazione sovietica derivato dal blocco della Fiat 1300 monoalbero. La potenza era di 62cv. Il resto della meccanica era praticamente identico a quello della berlina Fiat (trazione posteriore, retrotreno ad assale rigido, cambio a 4 marce) nonché il cruscotto, interni e comandi.
Il successo della nuova vettura, forte di una qualità degli assemblaggi, migliore di quella degli altri prodotti nazionali, indusse la Lada ad espandere la gamma.

Fonte: https://upload.wikimedia.org/
Fonte: https://upload.wikimedia.org/

Nel 1972 venne infatti lanciata la Lada 2103 che, un po’ come la Fiat 124 Special, si trattava di una versione più lussuosa della berlina 2101, da cui si distingueva per alcune modifiche estetiche (frontale con 4 fari circolari, maniglie porta incassate, griglie nere sul montante, profilo lucido laterale, gruppi ottici posteriori maggiorati, plancia con strumentazione supplementare e inserto in simil legno) e tecniche (motore con cilindrata elevata a 1452 cm³). Grazie da una potenza di 75cv, la vettura toccava i 153 km/h.
Nel 1974 venne lanciata la versione 1.3 (67cv) delle 2101 e 2102. Contemporaneamente sia le versioni 1.2, che restavano in listino, che le 1.3 beneficiarono di alcuni ritocchi estetici (maniglie incassate, griglia di sfogo dell’aria sui montanti posteriori) e agli interni.
In quegli anni, la Lada avviò l’ esportazione in occidente, ed in particolar modo in Belgio, Germania, Francia e Svizzera. Il successo fu incredibile data la sua competitività di prezzo (costava molto meno della 124), ma era debole di qualità, infatti tendeva ad arrugginire sui passaruota e i consumi non erano dei migliori.
Nel 1978 la 2103 si trasformò, grazie ad un ulteriore aumento della cilindrata a 1569 cm³ (80cv) e ad un restyling (mascherina anteriore nera, paraurti ridisegnati con cantonali in plastica, interni modificati), in Lada 2106.
Nel 1980 la 2101 subì un profondo restyling che interessò il frontale (più squadrato, con fari rettangolari e nuova mascherina), la coda ridisegnata, i paraurti con cantonali in plastica e parte centrale in metallo, la fiancata e gli interni completamente rivisti. La 2102 di conseguenza subì le stesse modifiche apportate alla 2101 cambiando di fatto nome in Lada 2104. Dal punto di vista tecnico non vi furono novità importanti, salvo l’adozione del motore 1500 da 75cv, che s’affiancava ai precedenti 1200 e 1300. Un particolare curioso è il cruscotto di queste nuove vetture che è praticamente identico a quello della Fiat 128 seconda serie.

Fonte: https://drive-my.com/
Fonte: https://drive-my.com/

Sui mercati d’esportazione, dov’era disponibile anche con motore 1600 da 80cv e cambio a 5 marce, le nuove nate assunsero nomi differenziati a seconda del mercato di destinazione: Lada Riva nei paesi anglosassoni, Lada Laika in Sudamerica e Lada Prima in Italia, Francia, Spagna e Germania per evitare battute riguardanti il nome “Zhiguli” rendendo così ridicola la vettura.
A partire dal 1993 l’Auto Vaz riduce la gamma a 2 versioni a berlina: la 2105 e la 2107 e cede i progetti della 2104 e della 2106 alla Izh Auto. Quest’ultima nel 2006 ha interrotto la produzione della 2106 proseguendo però con la 2107.
Nel 2007 il governo russo, a seguito dell’innalzamento del livello dell’inquinamento del paese, ha obbligato le case produttrici di automobili ad assemblare vetture con motore a iniezione e marmitta catalitica rispettando le normative Euro 2. Nell’ultimo periodo la 2107 ha avuto una motorizzazione conforme alle specifiche antinquinamento Euro 3 mentre la 2105 era conforme alle normative Euro 2.
Nel 2010 la gamma si riduce ulteriormente: la 2105 viene tolta dalla produzione e nel 2012 la produzione della 2107 viene fermata a causa delle vendite calate di oltre il 70%, ma le linee di montaggio vennero spostate in Egitto.
Ancora oggi, le Lada Ziguli vengono ricordate per la loro affidabilità, economicità, semplicità ed essenzialità.

Fonte: http://bright-cars.com/
Fonte: http://bright-cars.com/

CURIOSITA’:
Se vi troverete casualmente a girovagare per Cuba e (sempre casualmente) vi imbatterete in una Lada 2105 o 2107, non vi allarmate…molti di questi esemplari vennero importati sull’ isola negli anni ’80.

Fonte: http://www.hankewitz.com/
Fonte: http://www.hankewitz.com/

Vota qui ora gratuitamente da 1 a 5 stelle 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)

Loading...
Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, metti un mi piace alla nostra pagina Facebook cliccando qui!

Christian Truddaiu

Non c'è niente di più bello che ritrovarsi in un'Alfa Romeo a percorrere rettilinei e tornanti di montagna...Oo=V=oO

Rispondi o lascia un commento