buzzoole code

Mercedes, la nuova Classe A adotta la tecnologia delle sorelle maggiori (FOTO) Nuovi materiali, nuova linea e nuovo apparato tecnico per Mercedes Classe A, qui i dettagli

Fallo sapere ai tuoi amici

Negli ultimi giorni sono apparse in rete delle foto della nuova Mercedes Classe A, auto che è pronta a rinnovarsi adottando le forme e la tecnologia delle sorelle maggiori, alzando così in modo importante il livello della qualità percepita a bordo. Lo stile dovrebbe essere evoluto senza stravolgimenti lasciando le forme di base simili a quelle del lancio avvenuto nel 2012.
La base meccanica sarà quella di CLA, GLA, Classe A a quattro porte, nuova Classe B, e l’ipotetica suv GLB. Mercedes ne ha mostrato in queste ore l’abitacolo, che si ripromette di diventare punto di riferimento per questa categoria.

Fonte: Mercedes
Fonte: Mercedes

Classe A arriverà nella Primavera del 2018 e dovrebbe crescere in lunghezza. A guadagnarne sarà l’abitabilità con vantaggi significativi per guidatore e passeggeri misurabili in 4 cm di spazio in media in più. Lo spazio al posteriore sarà ottimale per due persone e ovviamente saranno opzioni tutte quelle funzioni che coccolano chi sta a bordo, come massaggio e ventilazione.
Il salto tecnologico sembra strano ma parte dalle porte usb di ricarica, cinque all’anteriore tutte USB Type-C ma è prevista anche la basetta per la ricarica senza fili dello smartphone. Il baule cresce di 29 litri ed più comodo in fase di carico/scarico.
Fonte: Mercedes
Fonte: Mercedes

Il segno più tangibile di questo cambio generazionale sta però nella plancia dove materiali ricercati si alternano al maxi schermo (in realtà sono due) adottato per primo da Classe S e poi dalla E che copre sia le funzioni di strumentazione digitale dedicata al guidatore che quella di infotainment per i passeggeri. Compresi nel prezzo gli schermi da 7 pollici, ma in opzione ci sono quelli da 10,25 pollici. L’unica differenza con le più grandi sarà l’assenza della palpebra antiriflesso. Per comandare il sistema multimediale non c’è più la rotella sul tunnel ma una superficie tattile, stile mouse dei computer; una ripetizione dei comandi è stata raggruppata anche in due gruppi di pulsanti sulle razze del volante, dove ci sono anche due rotelle e due piccole superfici touch grazie alle quali muoversi nei menu.
Ricordiamo comunque che il costo dell’impianto digitale è minore di quello analogico anche se l’impatto è molto più strabiliante. Insomma una revisione dei costi che aumenta la qualità percepita anche se noi preferiremmo dell’auto tecnicamente migliori e non solo nella facciata.
Prima di giudicare aspettiamo di provarla convinti che ormai dobbiamo rassegnarci al nuovo corso quasi da smartphone che stanno prendendo le auto di oggi.

Vota qui ora gratuitamente da 1 a 5 stelle 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)

Loading...
Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, metti un mi piace alla nostra pagina Facebook cliccando qui!

Rispondi o lascia un commento