buzzoole code

Quali saranno le nuove auto firmate Pininfarina? Dopo l' acquisizione del marchio da parte di Mahindra, dove troveremo il celebre marchio di stile e design italiano?

Fallo sapere ai tuoi amici

Da come noi tutti abbiamo appreso dalle notizie di pochi giorni fa Pininfarina è diventata parte dell’indiana Mahindra, grande gruppo imprenditoriale dell’automotive  indiano e non solo, dato che si è “accaparrata” da poco la coreana Ssangyong  oltre al marchio Peugeot scooter. Qui in Italia, dello storico marchio stilistico resta soltanto l’1,2% di azioni, detenute dalla famiglia Pininfarina e la carica di Presidente per Paolo Pininfarina.

Il mondo del design automobilistico sta notevolmente cambiando, e la preferenza delle case automobilistiche a privilegiare i propri “centri stile” si fa sentire sempre di più. L’ indebitamento del marchio era inevitabile, il mondo dei grandi carrozzieri è ormai passato, rimarrà sempre simbolo di un’epoca che non esiste più.

Dagli anni 50 e 60 fino ai giorni nostri numerossisime auto “cult” italiane portano questa firma: ricordiamo Lancia Beta Montecarlo, Lancia 037, Lancia Delta S4; il connubio con Ferrari (se guardate attemtamente, su ogni cruscotto delle più popolari Ferrari troviamo appunto due bandiere incrociate con i rispettivi stemmi, ad indicare la stretta e fruttuosa collaborazione tra i due marchi) che ha costituito un binomio impareggiabile per quasi 60 anni, Alfa Romeo 33, spider, 164; alcune Mitsubishi, Hyundai, Cadillac e Bentley.

Fonte: www.silvercarauto.it
Fonte: www.silvercarauto.it

Quali saranno le nuove auto firmate Pininfarina? Bisognerà abituarsi, voltare pagina e pensare che magari, in futuro a portare il marchio torinese saranno i possibili nuovi veicoli Ssangyong o Mahindra? Veicoli dei quali la maggior parte di noi italiani conosce poco e niente, e che di certo non hanno come obiettivo principale il design e tanto meno il lusso, potranno portare la “nostra” firma Pinifarina? Considerando l’intraprendenza degli indiani, e il fatto che hanno pagato relativamente “poco” forse il più celebre marchio di design, speriamo ne facciano un uso consapevole e ragionevole, per riportare al prestigio e agli utili questa “vecchia gloria” italiana nel nome, ma non più nel “fatto”.

Altra Domanda: Come saranno le nuove auto firmate Pinifarina? I progettisti e gli altri membri del management aziendale rimarranno italiani, stando a quanto dichiarato da Piero Pininfarina. C’è da domandarsi però: fino a quando? Le automobili indiane di Mahindra non brillano certo per eleganza e tanto meno per stile: due caratteristiche che non sono nemmeno ricercate nel target di mercato che vanno a coprire. Questa acquisizione servirà a loro per “imparare” a disegnare automobili quantomeno appetibili al target dei nostri mercati, ma non sarà più come prima. La Pininfarina con la P maiuscola è morta già da tempo, insieme ai tanti marchi italiani che si stanno via via (s)vendendo.

Iscriviti alla nostra VIP AREA ed entra nel Club di Motori più esclusivo!

Permessi Marketing

Carblogitalia userà le informazioni che tu hai fornito in questo modulo per rimanere in contatto con te fornendoti aggiornamenti e utilizzando i dati a scopo marketing.

Perfavore, facci sapere cosa possiamo mandarti:

Puoi in ogni momento cambiare idea cliccando "Disiscrivi o Unscribe" nella parte bassa delle email che riceverai da parte nostra o contattandoci all'indirizzo press@carblogitalia.it

Ci impegniamo a trattare i tuoi dati con rispetto. Per ulteriori informazioni sulle nostre Politiche di Privacy visita la sezione dedicata sul nostro sito. Cliccando di seguito acconsenti all'utilizzo da parte nostra dei tuoi dati in accordo con i termini di cui sopra.


Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, metti un mi piace alla nostra pagina Facebook cliccando qui!

The following two tabs change content below.

Alessandro Paschetta

Esperto di Motori a Carblogitalia
Appassionato di Motori fin da piccolo, studente in giurisprudenza a Torino, nel tempo libero, coltivo la mia passione abbinandola alla scrittura e non solo. Non ho un auto preferita, tutte le automobili sono belle, ciascuna a modo proprio.

Alessandro Paschetta

Appassionato di Motori fin da piccolo, studente in giurisprudenza a Torino, nel tempo libero, coltivo la mia passione abbinandola alla scrittura e non solo. Non ho un auto preferita, tutte le automobili sono belle, ciascuna a modo proprio.

Rispondi o lascia un commento