buzzoole code

Il telecomando dell’auto non è sicuro! Le Case rispondono Lo studio anglo-tedesco lo conferma "il telecomando auto non è sicuro", qui i dettagli

Fallo sapere ai tuoi amici

Milioni di auto” nel mondo hanno “rilevanti lacune” nella sicurezza a causa dei telecomandi per l’apertura delle portiere. Questa è la notizia clamorosa riportata dai tedeschi del Frankfurter Allgemeine Zeitung (Faz) citando uno studio presentato al convegno “Usenix” di ieri negli Stati Uniti, ad Austin, da due ingeneri tedeschi e “scienziati britannici“.

Gli esperti “avrebbero potuto violare e riprodurre il criptaggio del sistema di chiusura“, spiega il quotidiano, che precisa “ci sono lacune di sicurezza tra i produttori come Volkswagen, Opel, Ford, Toyota, Nissan o Renault”. Volkswagen ha commentato lo studio, intitolato “Lock it and Still Lose it” e consultabile su internet, affermando di essere in contatto con gli autori “in uno scambio costruttivo” di informazioni. Il gruppo alzerà sempre il livello della protezione contro il furto anche se “alla fin fine non può esserci nessuna sicurezza al 100%“, riferisce la Faz segnalando che “in maniera simile si è espressa Opel”.

Iscriviti alla nostra VIP AREA ed entra nel Club di Motori più esclusivo!

Permessi Marketing

Carblogitalia userà le informazioni che tu hai fornito in questo modulo per rimanere in contatto con te fornendoti aggiornamenti e utilizzando i dati a scopo marketing.

Perfavore, facci sapere cosa possiamo mandarti:

Puoi in ogni momento cambiare idea cliccando "Disiscrivi o Unscribe" nella parte bassa delle email che riceverai da parte nostra o contattandoci all'indirizzo press@carblogitalia.it

Ci impegniamo a trattare i tuoi dati con rispetto. Per ulteriori informazioni sulle nostre Politiche di Privacy visita la sezione dedicata sul nostro sito. Cliccando di seguito acconsenti all'utilizzo da parte nostra dei tuoi dati in accordo con i termini di cui sopra.


Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, metti un mi piace alla nostra pagina Facebook cliccando qui!

Rispondi o lascia un commento