buzzoole code

Todt guarda al passato, le condizioni di Schumi e il paragone con Vettel Intervista a Dribbling per Jean Todt che ha risposto proprio a tutto quello che cerchi

Fallo sapere ai tuoi amici

«Sebastian Vettel è un fuoriclasse. L’ha dimostrato conquistando quattro titoli mondiali. È un pilota molto serio, rigoroso. Dategli una macchina vincente e tornerà ad essere primo». Queste le parole di Jean Todt, Presidente della FIA (la Federazione Internazionale dell’Automobile), con cui torna a parlare in una intervista a Dribbling su Rai Due, del suo passato, la Ferrari e del suo pupillo Schumacher sempre alle prese con una durissima riabilitazione dopo il terribile incidente capitatogli sugli sci. Che rapporto ha oggi con i tifosi della Ferrari? «Voglio bene ai fan della Ferrari e so che anche loro me ne vogliono ancora. All’inizio non è stato facile perché sono francese, pensavano che io rimanessi solo due o tre anni alla presidenza della FIA per guadagnare un po’ di soldi e poi andarmene senza combinare nulla di buono. Invece non è stato così».

«Penso sempre a Schumi, ogni giorno – continua Todt – Non farò mai su di lui e su come sta adesso dichiarazioni sensazionali. Ha una famiglia straordinaria accanto, e posso solo dire che sta continuando a combattere. Come ha sempre fatto». In qualcosa Vettel le ricorda Michael Schumacher? «Sì, nel colore del passaporto. E nel talento». Il prossimo 2 giugno ricorreranno 20 anni dalla prima vittoria di Schumacher in Ferrari, nel GP di Spagna. «Ricordo – afferma Todt – che a Barcellona era una giornata di pioggia. Schumi negli ultimi giri mi diceva via radio che sentiva un po’ freddino». Emoziona di più ricordare quella vittoria o il primo titolo mondiale? «Non c’è paragone, il primo mondiale è unico. Non a caso nel mio ufficio c’è la foto di quella domenica a Suzuka, non quella di Barcellona 96».

Vota qui ora gratuitamente da 1 a 5 stelle 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)

Loading...
Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, metti un mi piace alla nostra pagina Facebook cliccando qui!

Rispondi o lascia un commento