buzzoole code

TVR Tuscan: A settembre 2017 l’auto della rinascita (FOTO) La storica casa automobilistica Inglese, fallita nel 2012, è pronta a ripartire da un motore Cosworth da oltre 400 cavalli.

Fallo sapere ai tuoi amici

La TVR sta lavorando nel segno della riserbatezza, infatti l’auto non è stata ancora svelata al pubblico degli appassionati, ma soltanto ai fortunati acquirenti che, previo cospicuo anticipo monetario, hanno potuto vedere i bozzetti, firmando però un “contratto di riserbatezza”: in pratica nessuno di loro può rilasciare ulteriori foto o informazioni da quelle già rilasciate dalla casa.
Il progetto di sviluppo della Tuscan è curato da un “Big” dell’automobilismo mondiale come Gordon Murray, il quale aveva già lavorato e progettato per conto di McLaren e di Braham per il loro esordio in Formula 1.

Fonte: AlVolante.it
Fonte: AlVolante.it

la linea è ispirata alle TVR degli anni ’90 e duemila con la tipica coda posteriore “tronca”. Il motore è stato invece preparato dalla Cosworth, a sua volta derivato dal V8 della Mustang, il quale erogherà una potenza di oltre 400 Cv a fronte di 1200 Kg di peso e faranno raggiungere una velocità massima di 322 Km/h coprendo uno scatto 0-100 in meno di 4 secondi.
Per il telaio, la TVR si affida pannelli in carbonio per irrigidire una struttura tubulare in acciaio per alleggerire al massimo il peso, senza penalizzare la solidità strutturale della vettura, chiamato iStream.

Fonte: motorionline.com
Fonte: motorionline.com

La TVR è una casa automobilistica inglese che sin dal 1947 ha prodotto auto sportive e spider fino alla chiusura della fabbrica di Bristol avvenuta nel 2006 e al successivo fallimento del 2012. Il piano di rilancio della TVR passa appunto dalla costruzione di una nuova fabbrica nel sud del Galles, la stessa che produrrà la nuova Tuscan.

Vota qui ora gratuitamente da 1 a 5 stelle 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)

Loading...
Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, metti un mi piace alla nostra pagina Facebook cliccando qui!

Rispondi o lascia un commento