buzzoole code

Usa, primo incidente mortale con auto a guida autonoma si tratta del primo incidente mortale in oltre 130 milioni di miglia percorse con l’autopilota. La vittima è un ex marine di 40 anni

Fallo sapere ai tuoi amici

Lo scorso Maggio in Florida, negli Stati Uniti è avvenuto il primo incidente stradale mortale di un’auto a guida autonoma. Ha riferirlo sono state le autorità federali statunitensi. La vittima era alla guida di di una Tesla S, che aveva inserito il sistema di guida automatica su un’autostrada nei pressi di Williston. Secondo la National Highway Traffic Safety Administration, l’auto è andata a schiantarsi contro un tir invadendo il senso di mancia in cui stava camminando proprio il tir. È stato aperto un’indagine  per un controllo sui 25mila veicoli Model S dotate dell’Autopilot. L’Indagine serve per verificare un eventuale difetto presenti nelle autovetture. Sul proprio sito Tesla  ha spiegato che l’incidente è avvenuto perchè ne il conducente né il sistema di guida autonoma hanno visto il tir, che si trovava perpendicolare all’auto facendo finire l’auto passasse sotto il rimorchio.

 

La vittima era un ex Marine e amico della casa costruttrice dell’auto e forte sostenitore di questo nuovo modo di guidare. Infatti la vittima pubblicò alcuni video su youtube in cui faceva vedere come guidava senza mettere le mani sul volante. Era un’esperto di guerra elettronica aveva preso parte a operazioni in Iraq. Dopo 11 anni passati nelle gerarchie militari si era congedato e aveva fondato una sua società, la Nexu Innovations. All’inizio di quest’anno, Brown aveva evitato un’altro incidente grazie proprio alla tecnologia dell’auto e poi ha pubblicato un video che aveva ricevuto più di un milione di click e stato pubblicizzato da Tesla per dimostrare come l’autoguida potesse salvare la vita.

Vota qui ora gratuitamente da 1 a 5 stelle 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)

Loading...
Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, metti un mi piace alla nostra pagina Facebook cliccando qui!

Rispondi o lascia un commento