spot_img

Batterie Strutturali per Model Y, che cosa sono e come funzionano

Tesla si starebbe preparando ad installare le prime batterie strutturali sulla Model Y, qui il video apparso negli States e i dettagli

Sono state pubblicate su Twitter alcune foto di una scocca della Tesla Model Y che mostrerebbero come la stessa sia già pronta ad equipaggiare batterie strutturali. L’indiscrezione, riportata anche da insideevs, se confermata porrebbe Tesla al vertice dei modelli industriali produttivi ancora una volta. Se è vero che Elon Musk aveva già annunciato il possibile arrivo di questa novità in catena di montaggio, lo è anche il fatto che lo stesso magnate ha definito il progetto come un’idea rivoluzionaria nella fabbricazione di autovetture. Le foto sono state scattate in Texas nella Gigafactory di Austin e le trovi alla fine di questo articolo.

Praticamente a livello industriale, l’introduzione delle batterie strutturali comporta la fabbricazione di due parti della scocca, una anteriore e l’altra posteriore, in un unico stampo. Al centro tra le due ci sarebbe lo spazio per installare il nuovo pacco batterie costruito con celle 4680.
La rivoluzione sta nel fatto che l’involucro del pacco batterie diventa parte integrante della vettura. Per intenderci questo sarà un elemento costitutivo in tutti i sensi, facendo da ancoraggio ai sedili per esempio. Allo stesso modo altre componenti interne saranno fissate direttamente all’involucro esterno delle batterie strutturali, con risparmi enormi in catena di montaggio al crescere delle unità prodotte.

Incerti, sono invece, i tempi di lancio sul mercato della soluzione e di quando la stessa sarà adottata su tutta la gamma. Stesso dubbio che riguarda la produzione della Model Y che non sappiamo se sarà prodotta da subito utilizzando il nuovo processo industriale o se, almeno in fase iniziale, la produzione sarà quella tradizionale. La Gigafactory di Austin entrerà a pieno regime dopo il mese di Giugno 2022 ed è quindi tutt’ora in fase di sviluppo e test
Ipotesi dicono che potrebbe però partire proprio dal Texas una fase di prova del processo industriale con le celle 4680.

Ma come funziona la batteria strutturale. Le singole celle con pile da 80 mm in altezza e 46 mm di diametro vengono alloggiate in un pattern cilindrico e raffreddate attraverso un circuito perimetrale che viene inscatolato con elementi in fusione metallica dotati, come detto, di ancoraggi. Il risultato è un risparmio di peso del 10% con un +14% (probabile) sull’autonomia di marcia e soprattutto minori componenti, solo 370 pezzi.

Potrebbe interessarti

Rispondi o lascia un commento

seugici ovunque

21,637FansLike
8,937FollowersFollow
2,467SubscribersSubscribe
- Contenuto offerto da -spot_img

più recenti