spot_img

Emergenza, la lista e come le Case costruttrici stanno intervenendo

Mentre la produzione auto è ferma, le Case automobilistiche si stanno attrezzando per aiutare nella lotta contro la pandemia che rischia di mettere in ginocchio non solo il sistema sanitario, anche quello economico. Sono partite infatti una serie di iniziative soprattutto per quello che riguarda la produzione di ventilatori polmonari, necessari oggi più che mai nei reparti di terapia intensiva.
Uno dei casi principali arriva dall’Italia, con l’azienda Siare Engineering. Con sede a Bologna è uno dei principali produttori al mondo di ventilatori. Con un personale di 35 dipendenti era capace di produrre 200 dispositivi al mese. Adesso però la Protezione Civile le ha dato l’incarico di produrre almeno 500 ventilatori al mese con l’aiuto dell’esercito che ha messo a disposizione dell’azienda 25 tecnici specializzati.

La produzione è al massimo e serve ancora di più. Ecco allora che è scesa in campo la Casa automobilistica per eccellenza, Ferrari. Da Torino, sede di Exor la società della famiglia Agnelli, è arrivato l’ordine di procedere con l’aiuto anche di FCA e Maserati, al fianco di Magneti Marelli. Le competenze dell’industria automobilistica possono infatti fare la differenza in questa situazione, trovando sbocco privilegiato per l’acquisto di tecnologie e materie prime. Si tratta solo di trovare la ricetta giusta per partire.

A breve arriverà la decisione ufficiale delle parti in causa. Questa iniziativa si aggiunge a quella della donazione di 10 milioni di euro proveniente dalla famiglia Agnelli, uno sforzo notevole e decisivo. Ecco allora che la conversione aziendale diventerebbe realtà come successe per molte aziende durante la seconda guerra mondiale.
La stessa cosa sta succedendo negli States dove Ford, GM e Chrysler stanno convertendo le loro fabbriche e i colloqui con le istituzioni sono già partiti.

Anche Tesla ha dato la sua disponibilità ad aiutare in fase di emergenza. Nel Regno Unito poi, la stessa Ford, Honda e Rolls Royce sono state chiamate ad aiutare. E’ stato presentato un prototipo da sottoporre alle autorità sanitarie per l’autorizzazione e il via alla produzione. Tra le aziende c’è anche McLaren con un progetto semplificato di respiratore e Nissan che sta aiutando gli attuali produttori.
Tutti si sono detti disponibili. Bentley, Porsche, Bmw e Volkswagen con quest’ultima che potrebbe utilizzare una “squadra” di stampanti 3D utili a questo scopo. In Germania una squadra di esperti è stata già messa a lavoro!
Potrebbe interessarti anche:
Academy | Crisi: perchè le Concessionarie rischiano così tanto
Academy: tamponare l’emergenza virus in azienda

Potrebbe interessarti

Rispondi o lascia un commento

seugici ovunque

21,637FansLike
8,937FollowersFollow
2,467SubscribersSubscribe
- Contenuto offerto da -spot_img

più recenti