buzzoole code

FCA, accordo da oltre 600milioni per lo scandalo emissioni negli USA FCA sarebbe pronta a firmare un accordo per fare "pace" con gli Usa e i suoi clienti Oltreoceano, qui i dettagli e le cifre dell'accordo

Fallo sapere ai tuoi amici

Accordo FCA Usa . FCA secondo quanto riportato da Ansa sarebbe pronta a pagare una sanzione di oltre 650 milioni di dollari per risolvere le controversie legate allo scandalo emissioni sorte negli USA. L’annuncio dell’avvenuto accordo è atteso nelle prossime ore e si prevede una parte di indennizzi anche per chi ha acquistato una vettura del Gruppo coinvolta nell’inchiesta. Si tratterebbe, nel dettaglio, per il Costruttore di una sanzione inferiore ai 500 milioni, pari a 311 milioni circa. In più FCA pagherebbe almeno 75 milioni di dollari agli Stati che stanno indagando sulle emissioni, mentre almeno 280 milioni saranno destinati ai proprietari delle circa 104 mila auto coinvolte. I modelli in questione sarebbero: Jeep Grand Cherokee e Ram 1500 prodotti dal 2014 al 2016 con motori diesel a tre litri e venduti in Usa.
Ognuno dei proprietari dovrebbe così ricevere circa 2.800 dollari.

Fonte: Jeep

Il tutto sorge dopo l’accusa fatta partire dal Dipartimento di Giustizia contro FCA, secondo cui il Gruppo già nel maggio del 2007 aveva installato su alcune delle sue vetture dispositivi per aggirare gli standard. Fca dopo aver negato più volte le accuse si è vista intensificare i controlli sulle auto diesel dopo lo scandalo di Volkswagen, che ha ammesso nel 2015 di aver ‘truccato’ 11 milioni di auto nel mondo per superare i test sulle emissioni diesel.
Citando Ansa:”Volkswagen ha pagato 25 miliardi di dollari negli Stati Uniti per risolvere le rivendicazioni di proprietari di auto, autorità di regolamentazione, stati e concessionari. La casa automobilistica tedesca si è inoltre dichiarata colpevole di aver cospirato per frodare le autorità di regolamentazione, di aver ostacolato la giustizia e di aver rilasciato dichiarazioni fuorvianti

Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, seguici anche su Instagram cliccando qui!

Rispondi o lascia un commento