spot_img

Fiat 124 Spider: come è cambiata da ieri a oggi (FOTO)

Novembre 1966 la Fiat 124 Sport Spider viene presentata per la prima volta al pubblico. Nata per sostituire le sportive di fascia media 1500 e 1600 Cabriolet, avrebbe segnato un’epoca: sarebbe stata infatti prodotta per quasi 20 anni, sino al 1985. Per essere riproposta oggi dal Gruppo FCA, con un nuovo modello nato dalla collaborazione su base Mazda.

Fonte: wikipedia.org
Fonte: wikipedia.org

La Fiat 124 Sport Spider era equipaggiata con un 4 cilindri bialbero di 1438 cm³ che erogava ben 90 CV a 6500 giri/min, per una velocità massima di 170 km/h: in quegli anni, numeri di tutto rispetto. La vettura, a trazione posteriore, aveva il retrotreno a ponte rigido e il servofreno di serie. Ma anche freni a disco sulle quattro ruote, il tergicristallo a intermittenza, il controllo delle luci sul piantone dello sterzo, gli pneumatici radiali e il cambio manuale a cinque rapporti.
Fonte: tp24.it
Fonte: tp24.it

Prodotta, dal 1966 al 1985, in circa 200.000 esemplari, ne avrebbe visti circa 170.000 “espatriare” proprio con destinazione Usa. La sua carrozzeria era “firmata” Pininfarina ma l’autore del progetto era Tom Tjaarda, designer statunitense di origini olandesi, incaricato della realizzazione della versione spider della 124. Tjaarda prese spunto dalla Rondine del 1963, una show-car realizzata dalla Pininfarina, su base Chevrolet Corvette, da lui stesso disegnata: frontale aggressivo e coda molto personale (“a rondine”, appunto, per via dei due diedri inclinati che incorniciavano i gruppi ottici posteriori). Il risultato fu una spider Fiat più corta e meno affusolata della concept americana ma che ne raccoglieva diversi concetti: a partire dal diedro posteriore, collegato da una nervatura lungo tutta la fiancata alle luci anteriori rotonde, inserite in un superfici oblique e incassate in sedi a loro volta “a coda di rondine”.
Fonte: staticflickr.com
Fonte: staticflickr.com

Nella sua lunghissima carriera, la Fiat 124 Sport Spider è stata oggetto di continue evoluzioni al punto di rivestire un ruolo fondamentale anche nei rally degli anni 70, permettendo così a Fiat di entrare in forma ufficiale in questa specialità dello sport automobilistico, a suggello di una nutrita serie di partecipazioni alle gare da parte di vetture e piloti privati. Proprio in ottica sportiva, risale al 1972 il lancio di una “icona nell’icona”, la Fiat Abarth 124 Rally da 1756 cm³ e 128 CV: carrozzeria alleggerita, cofani in plastica nera, porte in alluminio, sedili avvolgenti, roll-bar di serie, hard-top in resina plastica. In versione ufficiale la potenza cresceva fino ai 220 CV del motore a 16 valvole.

Potrebbe interessarti

1 COMMENT

  1. ILpassato e’ passato ..bisogna adeguarsi ai tempi per il Futuro..Non c’e’ male una bella auto ben riuscita e con dei Motori all’avanguardia…IL mio modesto pensiero ..mi piacerebbe che la FIAT riproponesse pure spider con cilindrate piu’ piccole ..come la mitica AUTOBIANCHI BIANCHINA 2 MODELLO con motore della 500..Ssarebbe pure alla portata della media borghesia pure un’altra che ha ricevuto molto amore la Fiat 850 spider giovanile e sbarazzina…Devono pensare anche alle tasche degli ITALIANInon tutti si possono permettere la nuova FIAT124 spider bella e confortevole e grintosa cordialmente saluto .Premetto un ultima cosa bisogna far inculcare agli ITALIANI di comprare auto ITALIANE basta con le Straniere abbiamo dei marchi favolosi ALFA ROMEO FERRARI FIAT LANCIA MASERATI COSA VOGLIAMO DI PIU’ IO sto’ per le Italiane ….

Rispondi o lascia un commento

seugici ovunque

21,637FansLike
8,937FollowersFollow
2,467SubscribersSubscribe
- Contenuto offerto da -spot_img

più recenti