spot_img

Le auto del futuro: siamo alla fiera di Las Vegas

Nei giorni 6 e 9 gennaio si è svolta e conclusa una delle fiere più importanti per il mondo del business. Mi riferisco al Consumer Electronics Show avvenuto al Las Vegas Convention Center (Las Vegas, Nevada). La fiera si svolge, una volta ogni anno, dal 1967 ad oggi. Grazie alla sua fama mondiale, il Consumer Electronics Show diviene International ed è allestito dalla Consumer Electronics Association (CEA) negli USA. La passione per la tecnologia e le idee più innovative si concentrano e prendono un posto privilegiato, durante questo evento. Inoltre le recensioni, riguardanti la fiera sono state in gran parte positive. Il CES, ha presentato idee e progetti alquanto innovativi, dai gadget più assurdi a quelli più ricercati. I bracciali smart, più di venticinque modelli di droni, i piatti smart, i frigoriferi intelligenti e i dispositivi per video chiamare i propri animali.
I progetti scrupolosi per la guida su strada, sono stati affrontati da numerosi marchi. In Nevada, la Mercedes ha ottenuto il via per testare la guida autonoma sulla Classe E. Il rapporto stabilitosi Renault-Nissan ha annunciato che entro il 2020 lancerà negli Stati Uniti, in Giappone, in Cina e Europa, dieci modelli a guida autonoma, a prezzi non sproporzionati. Volvo ha annunciato che farà circolare prossimamente, la sua prima auto semiautonoma. Negli Stati Uniti, il Segretario dei Trasporti ha annunciato e chiarito, che ogni singolo Stato si gestirà come meglio crede sotto il profilo dell’attività delle auto senza conducente, non c’è insomma una legge unitaria. Non mancano i modelli e gli accessori per le auto, dagli specchietti-telecamera delle Bmw ai nuovi veicoli elettrici come il Microbus a batteria della Volkswagen, Chevrolet Bolt di GM e la Faraday Future. Le auto oggi, possono avere fino a 50 diversi computer a bordo, possono essere dotate di radar, sensori video e laser (lidar). Si diffondono le nuove app per infotainment e la piattaforma di connettività di queste, per gli smartphone, sviluppata da Ford e resa open source, all’interno dei propri sistemi.
La piattaforma SmartDeviceLink è simile all’AppLink (sistema su oltre 5 milioni di automobili Ford, che secondo le stime potrebbero diventare 28 milioni nel 2020) e permette di utilizzare le app supportate, come Spotify, Glympse e Pandora, tramite comandi vocali. Seguendo queste novità potremmo arrivare a modelli di auto del futuro indistruttibili o per lo meno fuori dal normale, non ci resta che aspettare…

Potrebbe interessarti

Rispondi o lascia un commento

seugici ovunque

21,637FansLike
8,937FollowersFollow
2,467SubscribersSubscribe
- Contenuto offerto da -spot_img

più recenti