spot_img

Marchionne: addio fusione con GM, maxi-investimento da 48 miliardi

Sergio Marchionne intende da ora in poi concentrarsi sul raggiungimento degli ambiziosi risultati inseriti nell’ultimo Piano di Sviluppo e a nessun altro progetto, nessuna fusione. Come riporta l’agenzia Bloomberg, il manager 63enne lo ha annunciato ieri. In questo modo il manager dà per conclusa la partita sul fronte della General Motors ed indica quale obiettivo primario la completa messa in atto del più recente piano prodotto, annunciato nell’Ottobre 2014, che trasformerà i marchi nell’orbita FCA in realtà globali e dal maggior valore: obiettivo ultimo è portare le vendite complessive del gruppo a quota 7 milioni di unità, quando nel 2014 erano solamente circa 3,5 milioni. Il piano di espansione ha scadenza a fine 2018, anno in cui quando Marchionne andrà in pensione, dopo essere arrivato in Fiat nel 2004.

Marchionne non ha mai tenuto nascosta la sua visione del mercato automobilistico, che prevede una manciata di aziende al mondo forti sotto il profilo finanziario: è per questo motivo che l’allora gruppo Fiat ha ottenuto prima il controllo della Chrysler ed ha poi cercato di assorbire anche la Opel, nel tentativo di aumentare le economie di scala e di costruire un’azienda insensibile alle oscillazioni del mercato. Durante il 2015 poi ha più volte sottolineato la necessità di un ulteriore “consolidamento” cioè la fusione di FCA con la General Motors per condividere gli enormi costi di sviluppo che le case devono affontare. Ma le sue proposte sono state respinte. Mary Barra, Amministratore Delegato della GM, non condivide la strategia del collega.

Fonte: quattroruote.it
Fonte: quattroruote.it

La situazione si era trasformata in un muro contro muro, quindi il numero uno della FCA ha preferito spostare le attenzioni sulla messa in atto del piano 2014-2018 da 48 miliardi di euro. “Torniamo a concentrarci sul piano 2018, che aumenterà il valore del gruppo FCA e la sua posizione nell’ambito di un futuro accordo” le sue parole, raccolte da Bloomberg. “La differenza sta nel fatto che non sarò io a farlo. Sarà compito di qualcun altro”. Marchionne ha poi confessato di aver incontrato Barra “meno di un mese fa a Washington”, negli Stati Uniti ma l’incontro non ha fornito i risultati sperati: “Non penso che prenderò un altro caffè insieme a lei” conclude il manager.

Potrebbe interessarti

Rispondi o lascia un commento

seugici ovunque

21,637FansLike
8,937FollowersFollow
2,467SubscribersSubscribe
- Contenuto offerto da -spot_img

più recenti