spot_img

Multe per blocco del traffico: ecco come fare ricorso

Blocco del traffico significa anche strage di multe. D’altronde, l’articolo 7 del Codice della strada parla chiaro: nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco, limitare la circolazione di tutte o di alcune categorie di veicoli per accertate e motivate esigenze di prevenzione degli inquinamenti e di tutela del patrimonio artistico, ambientale e naturale, conformemente alle direttive impartite da vari ministeri. Chiunque, in violazione delle limitazioni previste, circola senza permesso nei giorni di blocco, è soggetto a una multa di 163 euro. Inoltre in caso di reiterazione della violazione nel biennio, scatta la sospensione della patente da 15 a 30 giorni. In alcuni casi è possibile fare ricorso, vediamo quali e come si deve procedere.

Fonte: faccebook.eu
Fonte: faccebook.eu

Ovviamente, c’è chi è costretto a circolare nonostante il blocco del traffico, magari per esigenze particolari come aiutare una persona in difficoltà o raggiungere l’ospedale in caso di emergenza. Nonostante il motivo che vi spinge ad “infrangere” l’ordinanza il Vigile farà la multa lasciando a voi la possibilità di fare ricorso al Giudice di Pace della città dove è stato compilato il verbale. La tassa sul ricorso è pari a 43 euro, cifra che verrà restituita dal Comune solo in caso di vittoria. Nel ricorso, appellatevi all’articolo 54 del Codice penale: “Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, né altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo“.

Potrebbe interessarti

Rispondi o lascia un commento

seugici ovunque

21,637FansLike
8,937FollowersFollow
2,467SubscribersSubscribe
- Contenuto offerto da -spot_img

più recenti