buzzoole code

Trazione anteriore, posteriore o integrale: quale scegliere e quali sono le differenze Quale trazione scegliere. Qui analizziamo nel dettaglio le differenze tra le diverse alternative

Fallo sapere ai tuoi amici

di Alessandro De Marco

Tra gli appassionati di auto emerge spesso la discussione su quale sia la trazione migliore sia per quanto riguarda vetture elaborate che per auto destinate ad un utilizzo quotidiano. Nel corso degli anni le tecnologie a disposizione sulle nostre autovetture sono state rese piu’ efficienti e performanti, senza perdere anzi esaltando il comfort di guida accompagnato ad un’elevata adattabilità sia a stili di guida differenti che a condizioni stradali variabili. La scelta su quale tecnologia sia meglio adottare per la nostra autovettura è spesso vincolata dall’utilizzo che ne facciamo nel quotidiano ma quando è bene preferire una all’altra? Nelle prossime righe le analizzeremo tutte nel dettaglio. 

Partiamo dalla piu’ comune, quella disponibile sulla maggior parte delle vetture  circolanti: la trazione anteriore. Questo sistema prevede la redistribuzione della potenza erogata dal motore interamente sull’assale anteriore che al tempo stesso funge da sistema sterzante del veicolo. Una trazione di questo tipo rende molto spesso difficile la gestione del veicolo, andando a generare condizioni di sottosterzo in fase di uscita da una curva. Complice del sottosterzo è la progressiva ed inevitabile redistribuzione del carico sull’assale posteriore ed il conseguente alleggerimento di quello anteriore che non è piu’ in grado di generare massima aderenza sull’asfalto.

Fonte: Alfa Romeo

Considerata dai puristi come la trazione per eccellenza, parliamo ora della trazione posteriore che scaricando tutta la coppia motrice sull’assale posteriore contribuisce molto spesso ad accentuare la velleità sportiva della vettura. La guida risulta molto piu’ sportiva rispetto ad una classica trazione anteriore a discapito di una piu’ difficile gestibilità del mezzo in curva . Causa di ciò il sovrasterzo ovvero la repentina perdita di aderenza sull’asse posteriore causando spesso testacoda o sbandate del veicolo. Ecco spiegato perché le auto a trazione posteriore sono i modelli preferiti dai piloti di drift, proprio perché consentono ,soprattutto in assenza di controlli elettronici di trazione, una guida piu’ pura e sportiva. Gestire un auto sportiva a trazione posteriore potrebbe però diventare abbastanza complesso se non si ha un’elevata abilità di guida, che si acquisisce solo con l’esperienza che consigliamo fare in pista al fianco di un esperto! 

Trazione Audi Quattro – Integrale
Fonte: Audi

Dulcis in fundo, la preferita sia dagli amanti di off road che dagli appassionati di auto sportive ad alte prestazioni: la trazione integrale. Evoluta e perfezionata nel corso degli anni rimane sempre il fiore all’occhiello per chi vuole un’elevata aderenza del veicolo in ogni condizione stradale ed un’elevata gestibilità dello stesso. La ripartizione della coppia motrice su entrambi gli assi attraverso il differenziale assicura una guida pulita e la massima aderenza su ogni pneumatico, permettendo traiettorie molto precise (auto da rally) ed una piu’ labile dispersione di coppia motrice. Le tecnologie disponibili oggi sul mercato spaziano da Quattro, Xdrive,4matic ecc. equipaggiando non solo suv ma anche ammiraglie ,supersportive  ed anche berline. Ovviamente queste piu’ complesse tecnologie fanno risentire il proprio peso in fase di acquisto rendendo però imparagonabile in quanto a trazione l’esperienza di guida.

di Alessandro De Marco

Sperando che questo articolo ti sia stato di aiuto nella scelta della tua prossima vettura ti invitiamo a visitare la nostra pagina Instagram ufficiale cliccando qui. Così non perderai niente di quello che pubblichiamo quotidianamente.

Iscriviti alla nostra VIP AREA ed entra nel Club di Motori più esclusivo!

Permessi Marketing

Carblogitalia userà le informazioni che tu hai fornito in questo modulo per rimanere in contatto con te fornendoti aggiornamenti e utilizzando i dati a scopo marketing.

Perfavore, facci sapere cosa possiamo mandarti:

Puoi in ogni momento cambiare idea cliccando "Disiscrivi o Unscribe" nella parte bassa delle email che riceverai da parte nostra o contattandoci all'indirizzo press@carblogitalia.it

Ci impegniamo a trattare i tuoi dati con rispetto. Per ulteriori informazioni sulle nostre Politiche di Privacy visita la sezione dedicata sul nostro sito. Cliccando di seguito acconsenti all'utilizzo da parte nostra dei tuoi dati in accordo con i termini di cui sopra.


Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, metti un mi piace alla nostra pagina Facebook cliccando qui!

Rispondi o lascia un commento