buzzoole code

Land Rover lancia il nuovo 3.0 6 cilindri Ibrido (FOTO) Su Range Rover 3.0 MHEV arriva il nuovo 2.0 6 cilindri Ibrido, qui analizziamo insieme le dotazioni tecniche e le novità apportate

Fallo sapere ai tuoi amici

Range Rover Ibrida. Land Rover ha inserito in listino un nuovo motore 6 cilindri in linea che fa parte della famiglia Ingenuim e che esordirà sulla Range Rover 3.0 MHEV. L’unità, presentata a Febbraio, permetterà di ridurre emissioni e consumi grazie al supporto del sistema elettrico al motore termico. Il piccolo motore elettrico, collegato con una cinghia al propulsore principale sostituisce il motorino d’avviamento e fa da generatore di corrente quando l’auto rallenta.In più grazie alla batteria 48 volt l’elettrico fornisce spinta in fase di ripartenza.
Nell’apparato c’è anche un compressore elettrico che si aggiunge al turbo annullando il ritardo di risposta del 3.0 ai bassi regimi di rotazione mandando in pressione l’aria che entra nelle camere di combustione del 6 cilindri, prima che il turbocompressore (azionato invece dai gas di scarico) raggiunga le condizioni di lavoro ideali.

Fonte: Land Rover

Il nuovo 3.0 Ingenium 6 cilindri in linea adotta una serie di soluzioni che migliora l’efficienza. Primo tra tutte c’è il Turbo Twin Scroll con il tubo che porta i gas alla chiocciola che è sdoppiato producendo un forte vantaggio di rendimento. Ci sono poi le valvole ad alzata variabile a seconda dei regimi di utilizzo del motore. La potenza è di 400cv con una coppia sviluppata pari a 550Nm. Una potenza necessaria visto che l’auto è lunga 5 metri e pesa più di 2000 kg. Nonostante la massa importante la Range Rover 3.0 MHEV scatta da 0 a 100km/h in appena 6.3 secondi e raggiunge la velocità massima di 225km/h. Il cambio è automatico a otto rapporti e c’è, ovviamente la trazione integrale permanente, tipica delle Range Rover.
Fonte: Land Rover

Le novità per il modello vanno oltre al solo sistema ibrido. Ci sono due nuovi colori per la carrozzeria, ruote da 21″ e 22″ con nuove funzioni per i fari a Led. C’è la Sign Post Dimming che riconosce i cartelli stradali attraverso la camera anteriore e fa spegnere alcuni diodi luminosi nei fari, evitando che il fascio luminoso venga riflesso dal cartello (disturbando così il guidatore) e c’è anche la Tourist Mode che modula il fascio luminoso a seconda che l’auto venga guidata sulla corsia destra o sinistra della carreggiata. In opzione anche Apple CarPlay ed Android Auto.

Ti piace Carblogitalia.it? Aiutaci a crescere, seguici anche su Instagram cliccando qui!

Rispondi o lascia un commento